Pages

mercoledì 13 luglio 2011

A

abbaccajà v.tr. - Strillare, parlare forte.
abbaculé v.intr. - Divenir debole.
abbadà v.intr. e v.tr. - Badare, guardare, porre attenzione nel fare: abbadə a fratətə, abbadə a sorətə, guarda piuttosto quel che fa tuo fratello, tua sorella; abbadə a sə quatrérə, badare ai ragazzi.
abbafà v.tr. - Ammaliare, incantare.
abbagnà v.tr. - (scherz.) Bere; riunirsi per bere alla salute di chi ha conseguito una promozione in genere,chi ha comprato una macchina nuova, o di chi indossa un abito nuovo, ecc., e che naturalmente paga per tutti.
abballà v.intr. - 1. Ballare. 2. Sguazzare: dandrə a stu parə di scarpə ci vajj’abballennə, le scarpe sono larghe. 3. v.tr. - Far traballare: nən ʒumbà, ca fì bballà la casə, non saltare, che fai traballare la casa. Espressioni: gnà mə sunə accuscè t’abbàllə, come mi suoni così ti ballo.
abbàllə avv. di luogo [lat. reg. a(d)-vallem con assimilazione regressiva da -dv- in -db- attraverso -db-]. - Giù, abbasso: capaballə, laggiù; nin ti mattə a coccə capabballə, non metterti a testa all’ingiù; móndǝ e bbàllǝ, su e giù (sotto e sopra, avanti e indietro).
abbambà v.intr. - Avvampare, detto di panni che si accostano al fuoco per farli asciugare, del pane al fuoco. ‣ Part. pass. abbambatə anche agg.: avvampato, abbruciacchiato.
abbarattà v.tr. - Vendere a qualsiasi prezzo.
abbədəcà v.tr. - 1. Seccare. 2. Bruciacchiare qualche pelo residuo ai polli, papere ecc. Dajje n’abbətəcatə ca sə lə magnamə. 3. fig. Morto.Part. pass. abbətəcatə anche come agg. - Secco, morto per il caldo.
abbǝlé v.tr. - Indebolire, fiaccare, svilire.
abbəndà v.tr. [dal lat. adventare]- 1. Avventare, scagliare qualcosa contro qualcuno. 2. Aizzare: i’àiə bbendàte lu canə, gli ho aizzato il cane; avventare, lanciare: i z’é bbendàte mbàccə, gli si è avventato contro.
abbèndə s.m. - Il riposo, la quiete, la pace.
abbərrəté v.tr. [ungh. boritani]. - 1. Avvolgere, arrotolare: abbərrèitə stu fèi̭lə, avvolgi questo filo. 2. Abbiosciare, di piante, avvizzire: lu harbèi̭nə a datə n’abbərrətetə a lu granə, il libeccio ha dato un’abbiosciata al grano. • Espressioni (con uso fig.): l’atto del morire in seguito a violenta malattia: na febbrə malegnə l’abbərritetə nghi du jurnə. Mə s’abbəreitə lə vidèllə, mordere il freno. Canda lə vaidə abballà nghə quellə, mə s’abbərreitə lə vidèllə, quando lo vedo ballare con quello, mi rodo dalla rabbia.
abbərrətènnə agg. - Mi sendə n’abbərrətènnə də panzə, ho i tormenti ventrali.
abbəttəmà v.intr. - Ansare, respirare in modo affannoso, spec. dopo aver compiuto uno sforzo fisico: arruètǝ a la costǝ à cchiappat’a bbǝttǝmà, arrivato alla salita a cominciato a ansimare.
abbijè v.tr. - Avviare, inviare, indirizzare, cominciare, dar inizio: l’àjj' abbijètə a la càsa ta, l’ho mandato a casa tua.
a bbòtt’ a bbòttə locuz. avv. - di quanto in quanto, a volta a volta.
abbracà v.tr. - Afferrare saldamente, prendere di forza.
abbramà v. tr. [dal germ. *bramōn “urlare, ruggire”; propr. “urlare dal desiderio”]. - Desiderare ardentemente e avidamente, essere famelico. ‣ Part. pass. abbramatə, anche come agg., affamato, bramoso, avido.
abbrèi̭lə s.m. - Aprile. • Espressioni (con uso fig.) e prov.: abbrèilə pièṷvə pièṷvə, majjə hìṷn’e bbèṷnə, aprile, piovi piovi, maggio una è buona; nèbbiə d’ abbrèi̭lə lu mann’arruvèi̭nə, nebbia d’aprile il mondo rovina; abbrèi̭lə lǝ sacciǝ gné lə varèi̭lǝ, aprile le seppie come un barile. Perché in questo mese le seppie raggiungono la loro maggiore grandezza.
abbricciatə s.m. - Sentiero, strada e sim., ricoperto di ghiaia.
abbruccà v. intr. - 1. Chiocciare, riferito alle galline, emettere il verso caratteristico del periodo in cui sono chiocce. 2. (fig.) Riferito a persona, stare rannicchiato, accoccolato come fa la chioccia, malaticcio.
abbruscè v.tr. - Bruciare, incendiare. • Espressioni (con uso fig.) e prov.: chə tè la caudə də pàjjə sə l’abbrìuscə, chi ha la coda di paglia se la brucia.
abbruvugnà v.tr. - Vergognare.
abbruvugnàṷsə agg. s.m.- Timido, vergognoso. • Prov.: lu mònəcə abbruvugnàṷsə, portə la vǝsaccə vuddə, il monaco timido, torna sempre con la bisaccia vuota.
abbuffè v.tr. - Mangiare a crepapelle, satollare, rimpinzare. ‣ Part. pass. abbuffètə anche com agg.: mangiare a sazietà, riempirsi di cibo.
abbujə avv. - Affrettatamente, alla lesta. • Locuz.: magnə abbujə abbujə, mangiare avidamente e alla lesta.
abbummacà v.tr. - 1. Saziare, riempire di cibo in modo da sfamare completamente. 2. Riempire: s’è bbumacatə də fìṷmə, si è riempito di fumo. ‣ Part. pass. abbummacàtə anche come agg.: di aria, rarefatta.
abbunàtə agg. - Buono, mite, cortese, affabile: è na pərzàṷnə abbunàtə, è persona di buon cuore.
abburdunà v.tr. - Detto più propriamente della frutta ecc. che accenna a maturare.
abbuschè v.tr. [dallo spagn. buscar «cercare», di origine incerta]. - 1. Buscare, prendere botte: si’ bbuschetə?, le hai prese?; mo ci’abbisquə, ora le prendi! 2. Guadagnare, lucrare: ujjə nə m’ajj’ abbuschetə manghə pə l’acquə, oggi non ho guadagnato nulla. Scher. nən tə lə sə buschetə, non te lo sei guadagnato; abbisquə la pəšcètəllə, guadagnare qualcosina; nən tə sə bbuschetə manghə na lumə d’ujə, non ti sei guadagnato niente.
abbuttà v.tr. [dal latino medievale aboctare gonfiarsi come un rospo]- 1. Gonfiare: abbuttə lu pallàṷnə, gonfia il pallone. 2. Gonfiare, di cibi indigesti che danno gravezza: lə fasciulə m’abbottə la panzə, i fagioli gonfiano. 3. Rimpinzarsi di cibo: s’è' bbuttatə gnè na scupèi̭nə, si è rimpinzato come una cornamusa. 4. Gonfiore, gonfiarsi: mə z’è bbuttatə la menə, la cossə, mi s’è enfiata la mano, la gamba. Eufem.: nǝn m’ abbuttà chjì lə chijṷnə, non mi rompere le scatole. 5. Picchiare sodo: abbuttà la faccə, dar botte al viso.
abbuttatə p.pass. Agg. - Sazio, gonfio, scorpacciata: m’ajə fattə n’abbuttatə de fecrə, ho fatto una scorpacciata di fichi.
abbuttunatə agg. - (cuc.) lu pullastrə abbuttunatə, il pollo ripieno con fegato, uova, frattaglie.
abbuvuratàṷrə s.m. - Luogo per farci bere le bestie, abbeveratoio.
abbuvurá v.tr. - Abbeverare, far bere, dissetare, spec. un animale
abbuzzə abbuzzə v.tr. - Ingozzarla male, aver pazienza.
accafullàrsə v.tr. - Accalcarsi, affollarsi, far ressa.
accalamətrà v.tr. - (fig.) Ammaliare, abbindolare.
accaləcà v.tr. - Calcare forte, premere con forza. ‣ Part. pass. accaləcatə anche agg. calcato, pigiato. ‣ Al fig.: j’à’ccalǝcatǝ lu cappellǝ, gli ha detto il fatto suo.
accandunà v.tr. - Mettere in un canto.
accannà v.tr. - Accatastare legna da ardere a canna cubica, per misurarle.
accapputà v.tr. - Imbacuccarsi.
accapputtatə v.intr. - 1. Ribaltarsi. 2. Andare sottosopra.
accaracinétə agg. - Appassito, vizzo, propriamente dei fichi.
accasià s.m. - Cagione, motivo.
accattà v.tr. [lat ad captare composto da ad a indicare fine e captare cercare di pigliare]. - Comprare: chə sə accattatə, cosa hai comprato: tə lə vannə gna l’ajj’a accattatə, te lo vendo come l’ho comprato, cioè senza garantire la verità. ‣ Locuzioni fig.: Accattà la hattǝ dantrǝ a lu såcchə, comprare il gatto dentro un sacco - è l’equivalente di “acquistare a scatola chiusa”.
accavallà v.tr. 1. Scavalcare, passare al di sopra di un ostacolo: accavallə ssu mìṷrə, ssu fossə, ssa frattə, passa sopra a quel muro, a quel fosso, a quella siepe. 2. Inghiottire: stu tozzə də pånə è tantə tostə ca ni li pozzə accavallà, non posso inghiottire questo pezzo di pane. Fig. oltrepassare: ajə accavalatə la trendeinə, ho più di trent’anni.
accə s.m. [lat. acia filo]. - Filo greggio e ridotto in matasse, di lino, canapa, ecc.. hånnǝ d’accǝ, gonna d’accia. Fǝlè accia grossǝ, non possiede più niente.
accèitə v.tr. - Uccidere. ‣ Espressioni (con uso fig.) e prov.: mə send’accèisə, sono sfiaccato; chi l’acceidə, durerà molto (riferito a persone e cose); l’accèisə, per dire di un lavoro fatto alla peggio. Imprecazione: tə pozzə lom’accèidə, ti possano uccidere; chi scì ccìsə, che tu sia ucciso!; l’accèisə nghə na bottə, l’ha ucciso con un colpo solo, a fattə n’accèisə, fare uno scempio; agg. stanco: mi send’accèisə, sono stanco, stì’ccèisə, sei rovinato, sei ridotto in pessime condizioni; mort’accèisə.
accəmè v.tr. - Cimare le piante, recidere le cime, svettare.
accəməndà v.tr. - Tormentare, stuzzicare, propriamente molestare con parole o con atti che provocano il risentimento.
accənnà v.intr. e tr. - 1. Ammiccare, far segno. 2. Il suonare di una campana, che indica l’inizio di una funzione; mò ‘cciannə la massə, ora rintocca per la messa.
accənnatə s.m. - 1. Cenno, segno fatto col capo, o con gli occhi. 2. Suono di campana che indica l’inizio di una funzione religiosa.
accəttannə s.f. - Colpo di accetta.
acchjappà v.tr. e intr. - Prendere, afferrare, acchjappemə la menə, prendimi la mano; prendere, chirrəj’ appressə, acchjappələ, corrigli dietro, prendilo; cominciare: acchjapp’a pièṷvə, incomincia a piovere, acchjappə lu päšcə, pescare i pesci.
acciaccà v.tr. - Schiacciare, calpestare: aver fame: ha’ cciaccàtə la fàma nairə da quànd’ hé nàte, ha sofferto la fame sin dalla nascita; masticare: ni mbózze a. ca nən’tìnghə nu dendə bèṷnə, non posso masticare che non ho denti; chi nni m’accicchə lu callə, bada di non pestarmi il callo; nu ciacch’acciacchə, un pigia pigia; acciàcchəmə sta nàṷcə, schiacchiami questa noce.
acciarə s.f. - Acciaio: armattə l'acciarə a lu budendə, rinforzare di acciaio le punte logore dei ferri da taglio, acciaiare.
acciarèinə s.f. - Pezzo d’acciaio per arrotare coltelli ecc..
acciaccarèllə agg. - Propr. di mandorle, noci, nocciolo e simili, quando hanno il guscio fragile in modo da poterle schiacciare con le dita: lə mènələ acciaccarèllə, mandorle che si schiacciano con i denti.
acciaffà v.tr. - Mangiare di tutto.
acciàttə s.f. [dal fr. hachette, dim. di hache “ascia”]. - Ascia, scure, accetta. Fig. sta fattə nghi l’acciàttə, detto di lavoro fatto male; alberə chə nə màinə frittə, cerche’acciàttə, albero che non mena frutto, cerca accetta; la coccə sotta l’acciattə, viva Franciaschə, una persona che non cede neanche sotto le minacce. ‣ Dim. accittarèllə.
acciavattà v.tr.fig. - Fare in fretta e male, pasticciare, accomodare alla meglio.
acciucqṷè v.tr. v.intr. - Piegare in giù, chinarsi, chinare: accicquə la còccə, abbassa la testa. ‣ Part. pass. acciucchètə anche come agg.: chino, curvo.
acciummà v.tr. - Riempire un recipiente di cose solide, in modo che rigonfi nel mezzo a mo di gobba.
acciummàtə agg. s.m. - Curvo, gobbo.
acciuppà v.tr. e intr. - Far diventare zoppo. ‣ Part. pass. acciuppatə anche come agg.: azzoppito.
accójjə v.tr. - Colpire.
accòmədə s.m. - Restauro, riattamento di case.
accrucià v.tr. - Forma di potatura consistente nel taglio del tronco all’altezza delle ramificazioni, per stimolare l’emissione di nuove fronde.
accucchjé v.tr. 1. Accoppiare, maritare, unire: Creštə prèimə lə fa e doppə l’accacchiə, Cristo prima li fa e poi li accoppia. 2. Mettere insieme una somma di danaro con grandi stenti, a poco a poco: Ddè lǝ sa chi ci’ à vulìṷtə p’accucchiè chə lə du soldə pǝ l’affettə. 3. Concludere: n’acchicchiə nièndə, non sa far niente, non sa dire due parole.
acculmà v.tr. - Colmare, riempire completamente, fino alla sommità.
acculmatə p.pass., agg. - Colmo.
acculucà v.tr. - Piegarsi sulle ginocchia quasi sedendosi sui calcagni; di animali, rannicchiarsi, raggomitolarsi.
accumunʒà v.tr. - Incominciare. ‣ Part. pass. accumunʒatə.
accundà v.tr. e intr. - Raccontare, narrare, riferire, dire: a chi l’acchində?, a chi lo dici? ‣ Part. pass. accundatə.
accungià v.tr. - 1. Aggiustare, accomodare: acchingə lu rəlloggə, aggiusta l’orologio; 2. Condire cibi, condimento: acchingə lə maccarìṷnə, condisci la pasta. 3. s'è ccungiatə, si è ubriacato. ‣ Part.pass. accungiatə anche come agg. condito.
accunnuttatə agg. - Di acque, incalanate.
accuppà v.tr. e intr. - 1. Picchiare, bastonare. 2. Mettere sopra, coprire.• Espressioni (con uso fig.): a fattə na bon’ accuppatə d’acquə, è caduta un’abbondante acqua; s’à accuppatə nu letrə di vèi̯nə, ha bevuto un litro di vino. Accuppə a za Manghə,
accurnucchjè v.tr. - Spingere qualcuno contro un angolo, ammucchiare qualcosa in un angolo, in un canto: l’accurnucchietə a lu mìṷrə, lo strinse in un angolo.
accurtunè v.tr. - Accorciare, abbreviare.
accuscé avv. - In questo modo, così; accuscè ccuscè, così così.
accuzzè v.rifl. - Rannicchiarsi, per es. sotto le coperte.
acənàllə s.m. - Acini dell’olivo che la maturità fa cadere dall’albero: jè pə acənàllə, raccogliere acino per acino, o chicco per chicco.
acətəlènə s.f. - Il gioco (molto pericoloso) consisteva nel far saltare in aria un barattolo vuoto. Si prendeva qualche pezzo di acetilene dal fabbro (si usava per saldare), si prendeva un barattolo vuoto e si bucava all’estremità. Si praticava un buco in terra, si metteva l’acetilene ed un po’ d’acqua e si copriva con il barattolo bucato. Si otturava il buco con un dito fino alla compressione dei vapori. Si toglieva il dito e si avvicinava al buco un pezzo di giornale acceso. Il barattolo saltava in aria con uno scoppio forte.
achə s.m. - Ago.
acquanàivə s.m. - Nevischio, acqua mista con neve.
acquanèbbiə s.f. - Pioggia minuta, che è prodotta da nebbia fitta, pioviggine.
acquàrə s.f. - Rugiada, guazza.
acquarramatə s.f. - Acqua di rame (solfato di rame) che si dà alle viti: mmenà l’acquarramatə a la vignə.
acquarèllə s.f. - 1. Pioggia minuta. 2. nella locuz. avv. acquarèllə , gioco fanciullesco, nel quale una ragazza nasconde un oggetto ed altre lo cercano: se qualcuna è lontana dal posto dov’è l’oggetto, che ha nascosto, dice “acquə”, mentre dice fuoco, quando è vicina.
acquatillə s.m. - Vinello ottenuto facendo permeare con acqua le vinacce giàsfruttate, vino annacquato.
acquavèccə s.f. - Acqua dell'olio, acquaccia che cola dai frantoi.
acqṷə s.f. - Acqua: acqṷə trautə, acqua torbida; acquə də la fandə, acqua della fontana; acqṷ’a ddillijə, pioggia dirotta; Acqṷ’ e ffeuchə nin treuvə leuchə, acqua e fuoco non hanno ripari, ostacoli; tajjə l’acqṷə e spacchə lu ventə; taglia l’acqua e spacca il vento, quando un cortello non taglia, perché non affilato; andò stà l’acqṷ? va l?addr?acqə va l’addr’acqṷə, la ricchezza va dove c’è altra ricchezza. Acqṷ’e mmòrtə, arret’a la pòrtə, acqua e morte, dietro la porta, l’imprevedibilità sia della pioggia che della morte.
adaddə propriamente le camere superiori di una casa. Su, sopra.
adassə ‘adassə avv. - Piano, lentamente, ma senza interruzione.
adaccià v.tr. - Tagliare minutamente carne o il lardo con la mannaia.
addarə s.m. - Altare.
addarsə v.pronom.intr. e tr. darsi: li riculə s’è ddat’a la vegnə, quest’anno i bruchi devastano la vigna.
addàurə s.m. - Odore, profumo, sentore.
addavàirə avv. afferm. - Davvero: tə lə dèicə addavàirə, te lo dico davvero, sul serio.
addə agg. - Alto.
addəbbelè v.tr. - Indebolire. ‣ Part. pass., anche come agg. addəbbəlèitə, indebolito.
addəcrənèitə agg. - Persona che non reagisce o reagisce lentamente agli stimoli esterni; quindi apatico, pigro, fiacco nei movimenti e nell’operare, deperito in salute.
addəcrijà v.tr. [dal lat. recreare sollevare, rallegrare]- Prendere piacere di qualcosa, godersela.
addèicə - Addirsi, di vestito od altro indumento che sta bene: ci’ addèicə nghə su vusteitə, il vestito gli dona.
addinӡə s.f. - Prestare ascolto, dar retta. ‣ Espressioni (anche con uso fig.) e prov.: si dì ‘addinzə all’ucchiə tə zə magnə lə piducchiə: se ti vien voglia di (acquistare) qualunque cosa vedano i tuoi occhi, sarai mangiato dai pidocchi (perché finirai in rovina) - antico adagio in linea con la proverbiale ed eccessiva parsimonia di un tempo.
addò avv. - Dove. Addò vì, dove vai. Di ddò sì, di qual paese sei.
addùbbiə s.m. - Alloppiare, addormentare con bevande oppiate.
adduggè v.tr. - fig. Mitigare, calmare.
addummannà v.tr. - Chiedere, domandare.
addunà v. intr. pron. - Accorgersi, avvedersi: mə nə so’ ddunatə, me ne accorsi.
addurà v.tr. - Odorare qualche cosa, fiutare.
addurrupè v.tr. - Dirupare.
addusulà v.tr. - Stare ad ascoltare di soppiatto, origliare, orecchiare.
aècchə avv. - Qui, qua: vi aècchə, vieni qua; sajj’aècchə, sali qua.
aèllə avv. - Li, là: aèllə vicèi̭nə, là vicino.
aèssə avv. di luogo - Costì, costà: aèss’bballə, costaggiù.
affà usato solo in alcune espr. quali nə j’affà l’ariə, il clima non gli giova.
affamijà v.tr. - Familiarizzare.
affəlarà v.intr. e tr. - Ardere, avvampare, ombrarsi il verbo si riferisce in modo particolare alla biancheria che una volta, col tempo cattivo, si metteva ad asciugare presso il caminetto e, con la vicinanza al fuoco, poteva avvampare assumendo una colorazione rossa
affəlarə s.f. - Parassita la cui radice si attaccano mediante austori alla radice delle leguminose (Orobanche crenata).
affəlè v.tr. - 1. Aizzare, avventare. j’à affəlètə appressə lu canə, gli ha aizzato il cane.
affraccà v.tr. - Schiacciare.
affrangà rifl. - 1. Liberarsi dal fare qualcosa: mi sò’ffrancatə la fatejə.
affrangarsə rifl. - Avventarsi contro qualcuno, ghermire.
affruscià v.intr. - Essere attirato da un cibo, gradire : a la fatejjə n’gi affréṷscə, non gli piace il lavoro; a la carne je pochə c’affréṷscə, la carne non è un cibo di mio gusto; affruscià a lu saləche, lavorare.
affunnà v.tr. 1. - Immergere, mettere dentro un liquido, affinnə li pit’a ll’acquə, immergi i piedi nell’acqua. 2.
affurijé v.tr. - Sollecitare a fare in fretta.
affurtə v.intr. - Dispiacersi, essere penoso a fare qualcosa: mə s'affurtə, mi è penoso, mi rincresce fare questo.
aggrambà v.tr. - Aggrappare.
aggravatə loc. avv. - In gran copia, profusamente detto di liquidi.
àgnə s.f. - Unghia.
àgnə v.tr. - Ungere: lu panə antə all’ujə, il pante unto all’olio.
agrèštə s.f. - Uva non matura, acerba, aspra.
ahàštə s.m. - Agosto. a la prim’ àcquə d’ahàštə, lu ricch’ e lu pòvərə s’archanàscə, alla prima acqua d’agosto, il ricco ed il povero si riconoscono.
a hiffə locuz. avv. - Senza pagare, a spese altrui.
ahṷalə locuz. agg. – Di qualità buona, specialmente di cose da mangiare. Stə paire n’è tròpp’a l’ahṷalə, queste pere non sono della qualità migliore.
ajjə s.f. - (bot.) - Biodo (Butomus umbellatus), pianta erbacea palustre le cui foglie vengono usate per impagliare fiaschi e sedie.
ajummarà v.tr. - Aggomitolare.
ajjuttè v.tr. - Inghiottire.
ajìṷtə s.m. - Bracciante reclutato per i lavori di campagna: port'a magnà a l' ajìṷtə, porto da mangiare agli operai giornalieri.
aisonnə s.m. - Sbadiglio.
ajuppə s.m. - Uva cotta per fare il vino cotto.
a la ndrasattə locuz. avv. - Improvissamente, di sorpresa.
albàttə s.m. - Sonnellino.
albə s.f. - Alba, e più esattamente la levata del sole: alb’ e nə albə crepuscolo della mattina.
àlbərə pizzìṷtə s.f. - Cimitero.
albərèttə s.f. - (bot.) Acacia (Robinia pseudoacacia)
aldradijirə avv. di tempo ieri l’altro.
alijà v.intr. [dal lat. halare spirare, olezzare, esalare] - Sbadigliare. Alijajə Cəlebertə, ha fame.
alimanèllə s.f.- Bestiolina.
allacanèitə agg. - Affamato.
allamatə agg. - Infangato, sporco di fango.
allanganéitə agg. - Essere assetato, riarso dalla sete: mo m’allanganèscə pə la sàitə, ho una sete ardentissima.
allangià v.intr. - Fare passi lunghi e rapidi per camminare di più: allangǝ lu passǝ ca è ttrdǝ, affretta l’andatura, perché è tardi.
allardtə agg. - Di persona molto grassa.
allariulà avv. - Sottosopra, in modo disordinato, strano: lu cappèllə allariulà
allàṷrə avv. di tempo - Allora.
allazzà v.tr. - Di persona che si insudicia per morbose espulsioni di materie liquide degli intestini.
allazzariatə agg. - Fa le carni come le carni di Lazzaro, piagarsi.
allǝgnà v.intr. - Allignare, di piante, mettere radici, attecchire.Anche fig.: dandrə a sta casə nin gi’ allagnə ma niendə, in questa casa tutto si sciupa; lə soldə de la fràgnə nən gi’allagnə.
 alləlujə - Nei modi štà alləlujə, stare  senza soldi.
allərètə agg. - Sporco di limo, da lirǝ, che in dialetto significa la posatura che fa l’acqua torbida, specialmente nei fiumi.
allǝscé v.tr. - Schiaffeggiare: mo’ t’alléscə na sbèrlə, ti appioppo un paio di sberle.
allǝscète p.pass. di allǝscé , agg. - Lisciato, levigato, piallato.
allǝsé v.tr. - Oggetti che, per trascurata pulizia, si ricoprono di sporco. sporcare, imbrattare, sporcarsi: si’lləsetə tuttə la casə, hai sporcato tutta la casa. ‣ Part.pass. allǝsètǝ anche come agg.: unto, bisunto.
alləssé v.tr. - Lessare, cuocere facendo bollire nell’acqua.
alléssə agg. - Lessato, cotto in acqua bollente: carnə alléssə, patanə alléssə, carne lessa, patate lesse.
allǝhà v.intr. (bot.). - Dei frutti giovani che dopo la fioritura restano attaccati al ramo, avviarsi verso la crescita e la maturazione: à llǝhatǝ la leivǝ? L’ulivo ha messo il frutto? Fig: ne j’allǝhǝ ma nu soldǝ, sciupa quanto guadagna.
allimbitə avv. - In piedi. ‣ Espressioni (con uso fig.): tè na pǝcherǝ ca n’zi tè’ allimbitə, ha una sbornia che non si tiene diritto.
alluffanèitə agg. - Ribosciato, infiacchito, indebolito.
allumuné v.tr. [a.fr allumer]. - Far luce, illuminare.
allupanèitə agg. - Affamato, bramoso, e in partic. eccitato sessualmente.
alluschè v.tr. - Intravedere, scorgere: pochə ci’ allìṷscə, ci vedo poco.
allutruiatə p.pass., agg. - Infangato.
alluṷà v.tr. - Allevare
alluvennə s.f. - Allevamento, nidiata.
almə s.f. Anima. ‣ Espressioni (con uso fig.) e prov.: l’almə də lə murtə, il giorno dei morti; l’almə də mammetə e petretə, imprecazione volgare; mò m’a escə l’almə, muoio dalla fame; fatta scè l’alme, parla più forte; l’almə a Dè, la robbə a c’a spettə, l’anima a Dio e la roba a chi spetta; la bon’almə, la buon’anima di un trapassato; almə sandə də lu purgatoriə, anima purgante. Prov. almə a Ddè e la robbə a che spettə, l'anima a Dio e la roba a chi spetta.
amàṷrə s.m. - Amore. A nn’amàṷrə di animali (e volg. dell’uomo), sentire l’istinto dell’accoppiamento.: l’àsene va nn’amàṷrə, l’asina va in caldo, cerca il maschio.
àmbrə s.f. - Ombra.
ammacciucquà v.tr. - Maneggiare qualsiasi cosa morbida, comprimendola sino al punto di farla entrare nelle palme delle mani piegate a forma di coppa; i maccheroni s’ammacciocchənə, cioè formano una sola massa, quando non cuociono bene.
ammaccə s.m. - Incastro fra due pezzi di legno.
ammajjà v.tr. - Biascicare: tenere a lungo il cibo in bocca masticandolo lentamente o svogliatamente e producendo un rumore fastidioso.
ammalluppà
ammandà v.tr. - Coprire, ricoprire con coperte, abiti: ammandətə nghə lu fazzéṷlə, copriti con lo scialle; ammandətə bèṷnə, copriti bene; ammandətə ca fa lu fraddə, copriti che fa freddo. ‣ Part. pass. ammandatə, anche come agg., s.m., coperto.
ammandə avv. - Su, sopra.
ammandricchià frode consistente nel coprire di zolle un tratto non zappato solco aratro.
ammangà v.tr. - Fare gli scemi alla calza, scavalcare o accavallare una o più maglie, far passare una maglia dentro la successiva; canda majə ajj’ammangà.
ammangatíṷrə s.f. - Fare gli scemi alla calza, scavalcare o accavallare una o più maglie, far passare una maglia dentro la successiva.
ammangaizàṷnə s.m. - Malessere improvviso, svenimento.
ammannèitə agg. - Della frutta, bacata, guastata: s’é mmannèitə lə féchərə, i fichi sono malaticci.
ammascǝchè v.tr. - Masticare.
ammascǝchéte agg. - Sgualcito: tè li cazzìṷnǝ tutt’ ammascǝchétǝ, ha i pantaloni sgualciti.
ammassà v.tr. - 1. Impastare: ammàssa ssa farè̠inə e fàccə du sàgnə, impasta quella farina e fai un po’ di sagne; ammassə lu pånə, impastare il pane. Part. pass. ammassètə anche come agg. impastato in casa: so cottə li maccarìṷnə ammassètə, ho cotto i maccheroni impastati in casa, non comperati. 2. Impastare la calcina.
ammassə s.m. - È il grido che fa il fornaio quando avvisa quelli che devono fare il pane.
ammattə v.tr. - Vendere, smaltire: l’ammassə tittə, è riuscito a vendere tutto.
ammattəllà v.tr. - Far mazzi di grano (mattellə).
ammazzəllà v.tr. - Rompere sassi con la nazzola.
ammèccə s.f. - Maschio dell’incastro.
amməchèitə agg. - Proprio di agli, cipolle, ceci ecc. infetti da un fungo, il quale causa la mortificazione dei tessuti del seme nel quale si annida.
ammèdiə s.f. - Invidia.
amməlà v.tr. - Avvolgere nel miele caldo la cicerchiata.
amməlòppə s.f. . - foglio per scrivere la lettera: la bistə e l’amməlòppə, busta e foglietto.
amməndà v.tr. 1. Inventare. 2. Dire cose non vere, che sono frutto della propria immaginazione.
amməšchè v.tr. - Mischiare, mestare.
amməšchètə p.pass., agg. s.m. - M mescolato, mischiato.
ammèšchə agg. s.m., - Misto, mista: fujj’ammèšchə minestra mista di verdure (rosolacci, sonchi, cicorie ed altre erbe che nascono spontaneamente nei campi)
ammətè v.tr. - 1. Invitare. 2. Al gioco.‣ Part. pass. ammətetə anche come sost. invitato: mann’ammətetə a lə spusə.
ammezzè v.tr. - Avvezzare, abituare. ‣ Part. pass. amməzzetə
ammèzzə s.m. - Vezzo, abitudine; fras. lə si’ mməzzètə bèunə, lo hai abituato bene.
ammezzètə agg. - Far prendere l’abitudine, far che una cosa diventi familiare e naturale: mal’amməzzètə, male avvezzato.
ammità v.tr. - Ammucchiare in forma di bica.
ammuccà v.tr. - Versare un liquido: ammicquə lu vèi̯nə, versa il vino; piegare, curvare: ammicquə ssa ramə ca ngi’arreivə, curva quel ramo perché non ci arrivo. z’è mmucchetə, si è curvato, è diventato gobbo.
ammuccè v.tr. - Piegare il capo in segno di rassegnazione, non fiatando, non repilicando, zittire.
ammudunà v.tr. - Sagomare, dare la forma, la linea, il garbo ai dolci di Pasqua (pupe e cavalli).
ammujənèi̯tə agg. - Annoiato, disturbato.
ammupèi̯tə agg. - Ammutolito; fig. di persona triste.
ammupulèi̯tə agg. - Di chi ha perduto ogni vitalità, rimbambito, stordito.
ammurgiatə agg. - Rimpettito.
ammurrétə agg. - Imbroncito.
ammusciuléi̯te agg. - 1. Ammoscito: delle piante, avvizzire: la piantə s’è mmusciulèi̯, la pianta si è avvizzita. 2. Del pene floscio.
ammustà p.pass. - Di barile o vaso nel quale si versa il mosto, affinché se ne imbeva e ne prenda l’odore.
andannə avv. di tempo - Allora, in quel tempo.
andə s.f. - Striscia di fieno o di grano che si raccoglie dietro il falciatore: n’andə də granə, una striscia di grano.
ándə agg. - Unto: ti lə menə hindǝ, hai le mani unte; pane ánde e pammadèṷre, pane unto con olio e pomodoro.
andicajə s.f. - Cosa antica, fuori uso.
andinirə s.m. - Il primo dei mietitori.
andò avv. di luogo, dove: andò vì?, dove vai?, andò stì?, dove stai?, andò è ch’ejja jè, dove è che devo andare?
andra agg.indef. - Altra: n’andra vòddə, un’altra volta; də n’andra manirə, di un’altra maniera.
andre agg.indef. - Altro: n’ andrə fejjə, un’altro figlio.
angàṷrə avv. - Ancora.
àngələ s.m. - 1. Angelo. 2. fig. àngələ àngələ, leggero leggero, brillo.
anghə s.f plur - Mascelle, ganasce.
angunaje s.f. - Inguine.
annacquanèitə agg. - Acquoso, pieno d’acqua, divenuto acqua: lu vèi̯nə annacquanèi̯tə, il vino allungato con l’acqua.
annasà v.tr. - Di persona, conoscere il carattere, il modo di fare: l’ann’ annasatə, l’hanno conosciuto per quello che vale, e nessuno più lo tiene di conto.
annascànnə v.tr. - Nascondere, celare, sottrarre alla vista.
annascòštə p.pass., agg. - Nascosto: sò nnascòštə la buttejə sott’ a la pajə, ho nascosto la bottiglia sotto la paglia .
annaschijuscə avv. - Di nascosto, di soppiatto, slealmente.
annassacchə agg. - A secco.
annèndə avv. - Innanzi, avanti. ze la truvatə nnèndə péttə, se l’è trovato di fronte.
annènzə avv. - Innanzi, avanti. annenz’a mà, davanti a me. nnènzə e rrètə, avanti e indietro. chiù nnenzə, più avanti. Il suo opposto è arretə. Riferito al tempo, prima: la sàirǝ annènzə, la sera prima.
annummunè v.tr. - Nominare: ni’ mǝ l’annummunè, non me lo nominare.
annuttà v.intr. – Pernottare.
apéjtə s.f.inv. - Pietà, compassione.
appaccuttà v.tr. - Fare pacchi, impacchetare.
appàisə s.f. - Parte del tetto che spiove da un lato.
apparà v.tr. - Nascondere.
apparicchià v.tr. - (gerg.) Uccidere: n’apparicchiatə trə, ne ha uccisi tre.
appattà v.tr. - Contrattare.
appəccé v.tr. - 1. Accendere il fuoco, il lume, la candela e sim. : appeccə lu fèṷchə, accendi il fuoco; appeccə la péppə, accendi la pipa. 2. Suscitare, far nascere: appeccè lu fèṷchə.
appeccermurə s.m. - Interruttore.
appəccètə 1. avv. di bambini, di ragazzi, condotti per mano. ‣ Espressioni (con uso fig.): tə frechə e ti port’ appəccètə, ti frega e ti porta per la mano. 2. p.pass., agg. acceso: stà la lìṷcə appəccetə, la luce è accesa.
appènnə v.tr. - Appendere, attacare: appinnəl’a lu chjèṷvə, appendilo al chiodo; appinnə l’acquǝ, mettere a bollire l’acqua, un tempo si bolliva l’acqua nel camino, perciò si appendeva realmente il recipiente ad una catena; appènnə lu missə, fare il labbro, il broncio.
appellà v.tr. - Chiamare, con le varie voci, gli animali.
appəsarèllə s.f. - Gonnella.
appettà v.tr. - Investire, travolgere una persona. ‣ Espressioni (con uso fig.): appetə a dərettə, fare quello che si crede, senza badare a ciò che dicono gli altri.
appəttatə s.f. - Salita.
appetə a piedi.
appiccichè v.tr. e intr. - Appiccicare, attacare: appeccechə lu buttaunə, attacami il bottone.
appiciafèuchə s.m. e f.inv. - Attaccabrighe, attaccalite.
appitə - in fondo, di una strada: appitə a lu lettə, ai piedi del letto.
appresà v.tr. - Afferrare.
apprumattə v.tr. - Rimboccare le lenzuola o le coperte infilandole bene sotto i lati del materasso.
appujà v.tr. e intr. appoggiare, poggiare, appoggiarsi.
appundà v.tr. - 1. Far credito, m’ha’ppundatə, non mi ha pagato. 2. Dare un appuntamento.
appurè v.tr. - Sapere, risapere, venire a conoscenza: appìṷrə e n’appìṷrə, a furia di investigare.
appurtà v.tr. -
appusà v. pronom. intr. - Calmarsi, tornare calmo, tranquillo, quietarsi. Proprio di tempo: s’è pussatə lu ventə, si è calmato il vento.
apputà v.tr. - Potere: nghi mmà ngi l’appù, a misurarti con me perdi il tuo tempo; canda la fammənə vò, manghə lu dujàvələ cə l’appò, quando la donna vuole, nemmeno il diavolo ci può.
appuzzutè v.tr. - 1. Fare a punta, assottigliare a un capo, rendere aguzzo. Appəzzìṷtə lu lapzə, appuntare la matita. 2. Fig. Penetrare, congiungersi carnalmente, compiere una penetrazione sessuale. • Part. pass. appuzzutétə anche come agg., fatto a punta, aguzzo.
arà v.tr. - Arare. fig.: nə vo arà, non ne vuole sapere di lavorare, di studiare ecc..
arbannə v.tr. - Di cibo, andare di traverso.
arbàttə non piacere.
arbəlà v.tr. [lat. advelare]. - 1. Coprire di cenere il fuoco: arbəilə lu feuchə, coprire i carboni accesi con la cenere (lo si faceva tutte le sere, per avere di che accendere il fuoco la mattina successiva). 2. Coprire con terra qualcosa messa in una fossa: arbəilə lu fossə. 3. volg. Seppellire, sotterrare. 4. Di qualcosa quando è coperto di neve. ‣ Espressioni (con uso fig.): quellə t’arbailə di qṷatrèinə, quello ti copre di denari. È persona molto ricca. ‣ Part.pass. arbelatə - Coperto.
arbijè v.tr. - Rinviare: Aje vestǝ ca m’avè stunatǝ, nhgi na schìṷsǝ l’aje arbijètǝ, vedendo che mi seccava, con un pretesto l’ho mandato via.
arbuccà v.tr. - 1. Abboccare, rabboccare, empire a bocca, un fiasco, una botte, versandovi il liquido che manca. 2. Riversarsi dalla bocca: la ciummunirə arbacquə, il fumo fuori dal camino.
arbuè v.tr. - 1. Tornare in vita, risuscitare. 2. Di luogo freddo, si dice: aècchə s’arbuəscə lə nguèllə, qui tornano in vita le anguille.
arbuèi̯tə agg. - Rinato, risuscitato.
arbupazzàtə rifl. -  Vestire abiti belli, vestirsi a mo’ di bambola.
arcacà v.tr. - Restituire. 2. scontare, pagare: tə lə fàccə arcacà, te la farò scontare.
arcaccià v.tr. 1. (bot.) Assol., tornare a produrre germogli, radici; ributtare. 2. Inventare un soprannome, arcaccià nu soprannéṷmə. 3. Portare, trasportare in luogo più comodo: arcaccià lə manupprə, portare i covoni all’aia. 4. Ricopiare un disegno: arcaccià nu dusagnə.
arcagnà v.tr. 1. Ricambiare. 2. rifl. Abbigliarsi, farsi bello, mettersi il vestito nuovo.
arcagnate l’atto di ricambiare, indossare vestiti nuovi.
arcalà v.tr. e intr. - Calare di nuovo, un oggetto.
arcanasce v.tr. riconoscere, identificare: l’hajə vèstə ma nən lə so rcanuscìṷtə, l’ho visto, ma non l’ho riconosciuto.
arcapà v.tr. - 1. Scegliere, separare cose buone dalle cattive, ripulire, selezionare: arcapə la lèivə, togliere le foglie dalle olive raccolte. 2. Distrigare una matassa. 3. Al fig. l’arcapə jè l’acquə e l’ujj’ a štu fattə, trovero io il modo di vedere chiaro questa faccenda.
arcapannà v.tr. - 1. Quando, per abbondanza di frutta, i rami si piegano ad arco e ricoprono completamente l’albero o la pianta a guisa di capanna. 2. rifl. rabbuiarsi del cielo, propriamente l’addensarsi delle nuvole.
arcapəzzà v.tr. - Raccapezzare, riuscire a capire, a spiegarsi qualche cosa, venirne a capo. • Espressioni (con uso fig.) e prov.: ngi’arcapazzə niendə; nən z’arcapazzə ne cèicə ne fasciulə.
arcattà v.tr. ricomprare di nuovo.
arcəcilijètə Part. Pass., anche agg. - Ristorarsi fisicamente e moralmente.
arcembàmbələ s.m. fam. Spreg. - Chiacchierone, fanfarone, armeggione, anche imbroglione.
arcətà v.tr. - Pregare, recitare le preghiere.
arcercà v.tr. a. - Avere desiderio, gradire, qualche cibo: lu stòməchə nə je l’arcèrchə, lo stomaco lo ripugna.
archə s.f. - Mobile della cucina in cui si conserva il pane, la farina e altre cose da mangiare.
archjàinə agg. s.m., ripieno.
archiamà v.tr. - Richiamare.
archiappà v.tr. e intr. prendere di nuovo, riprendere, ricominciare, adunare, raccogliere.
archiarà v.tr. e intr. rischiarare, rischiarire, tornare chiaro di tempo, rendersi limpido di vino, d’olio.
arciaccà v.tr. Rilcapelstare, ripestare.
arciuciulijà v.tr. - Cicalare.
arcójjə v.tr. - 1. Raccogliere. 2. Delle levatrici, raccogliere i parti. 3. Contrarre, prendere una malattia.
arcràscə v.intr. aumentare di volume, lievitare.
arcrijà v.intr. - Prendere conforto, godere, divertimento.
arcugnagne v.tr. - Ricongiungere, ricongiungersi.
arcujatà v.tr. - Acquietare.
arcujunà v.tr. fare il verso di qualcuno, prendere in giro, canzonarlo.
arculà v.tr. [lat. cŏlare «filtrare, gocciolare, versare», der. di colum (v. cólo)]. - Colare, far passare un liquido attreaverso un panno: la pammadeurə arculatə, il popomodo colato.
arculmà v.tr. - Rincalzare, accumulare terra attorno allo stelo di una pianta come rinforzo e sostegno.
arcumbagnà v.tr. - Riaccompagnare.
arcummanà v.tr. - Raccomandare.
arcummullà v.tr. - Convincere di nuovo.
arcumunzà v.tr. - Ricominciare.
arcundà v.tr. - Raccontare, narrare.
arcungià v.tr. - Raccomodare, accomodare di nuovo. fig. arcungià lu stòməchə, mettere o rimettere in buono stato lo stomaco.
arcuvurè v.tr. - 1. Ricoverare. 2. Raccattare.
ardà v.tr. - Ridare, restituire.
ardəcriatə - Bearsi, godere, provar piacere, rallegrarsi
ardəcriarsə prendere gusto, godere di qualcosa, di cibo.
ardrà v.intr. e tr. 1. Rientrare: arendrə la siggə, rientra la sedia. 2. Rincasare.
ardrummulià v.intr. - Rimbombare, rintronare.
ardərrəzzé v.tr. - Far tornare diritto, eliminando deformazioni, angolosità, curvature. c. fig. Correggere, rimettere nel giusto
arduccà v.tr. - Mettere a filo la lama della falce per ribattere le tacche e le asperità della lama, cioè per affilare a martello la falce fienaia o la falce. L’incudine viene usata insieme allo speciale martello per battere. Può essere infissa in un ciocco di legno o in terra, i riccioli di metallo servono ad evitare che l’attrezzo s’incunei eccessivamente nel supporto.
arə s.f. - Aia, piazzale antistante una casa di campagna, spiazzo destinato allo svolgimento di lavori agricoli o all’allevamento di animali da cortile. Nella tradizione agricola, ogni podere è generalmente dotato di un’aia privata sulla quale svolgere le suddette attività ma in alcuni paesi esistono aie pubbliche delle quali l’intera comunità può servirsi.
arəjè v.intr. - Ritornare. ‣ Espressioni (con uso fig.): ci’arvà,
arəndènnə v.rifl. - Intendersi, aver conoscenza, essere intenditore di una cosa. Nən zə n’arəndènnə, non se ne intende.
arəsbattə v.tr. - 1. Battere di nuovo. 2. Di casa, o parte di casa: la fənèstrə arəsbattə a lu curtèi̭lə, la finestra da sul cortile.
arəstràgnə v.tr. - Restringere.
arfà v.tr. - 1. Rifare: arfà lu lettə, rifare il letto, fare di nuovo. 2. Coltivare: arfaccə la terrə də Surianə, coltivo la campagna di Suriani. 3. Arfà lu lèttə: rifare il letto, rimettere in ordine il materasso, lenzuola, coperte. 4. Ristabilirsi, guarire. 5. Minacciare: ci’arfì, provaci a rifarlo. 6. L’atto fisiologico dell’inturgidirsi del membro virile.
arfannə v.tr. - Rifonderci, rimetterci: so’ vìut’arfannə 10.000 lèirə, ho dovuto rimetterci 10.000 lire; ci’arfostə, ci ha rimesso.
arfàttə agg. - 1. Raffermo, non più fresco, detto spec. del pane: pan’ arfattə, pane raffermo. 2. Mə sə ‘rfattə la penghə, inturgidirsi del membro virile.
arfiatà v.intr. - Rifiatare, respirare: n’arfiatà, non fiatare, non replicare; arfijtə, a bbott’a bbottə
arfuhurè v.tr. - Riconoscere alla figura, all’aspetto, cose e, più spesso, persone.
arfelè fig. 1. Mettere in sesto: mò l’arfeilə jè, farlo rigare dritto. 2. Del tempo, rimettersi al buono: lu tempə z’è rfəletə, il tempo si è rimesso al bello. N’arfeilə, non connette, non sa quello che dice.
arfillə agg. - Proprio del deretano, prominente: culə arfillə.
arfrecà v.tr. e intr. - Burlare, canzonare, prendere in giro.
arfrəscà v.tr. - Rinfrescare: fattə na vavətə, ca t’arfraschə, fatti una bevuta, che ti rinfreschi. Al fig. bastonare: vattənə, ca to mo t’arfrascə, vattene, che se no te le suono.
argemé v.intr. - Porre in cima, arrampicarsi. ‣ Part. pass. argəmètə.
argrazià v.tr. - Ringraziare.
argerè v.tr. - Rivoltare, rigirare, capovolgere di nuovo.
argnagnə v.tr. - Congiungere, attaccare, collegare.
arjé v.tr - Ritornare, riandare.
arjittà v.tr. - Vomitare.
arihalà v.tr. regalare, dare in regalo, compensare.
arihàlatə p.pass., agg. regalato.
aringricchètə agg. - Rimesso a nuovo, di persona che si riveste a bello.
arisidìṷtə agg. s.m. - Di acqua attinta da più giorni, e simili, stantio.
aristragnə v.tr. - Restringere, riunire.
arlaccià v.tr. - Allacciare, allacciare nuovamente.
arliscè rifl. - Agghindarsi. Riferito a persone che ordinariamente sono trascurate nel vestire: s’è ‘ rliscètə,  si è agghindata.
arlìṷcə v.intr. - Rilucere, brillare.
arlungà v.tr. - Rallungare.
armagnà v.tr. - 1. Mangiare di nuovo qualcosa. 2. Ritrattare, non confermare o non mantenere quanto precedentemente detto o fatto. s’rmagnatə la parèṷlə.
armanà v.intr. - Rimanere.
armandà v.tr. - Ricoprire.
armandenà v.tr. - Trattenere, controllare, trattenersi, controllarsi
armanijà v.tr. - Rimaneggiare. → manijà
armannà v.tr. - Rimandare: mə l’armannatə ziànəmə da l'Amèrəchə, me l’ha rimandato mio zio dall’America.
armappilijà v. int. - Rendere molle ciò che è sodo.
armastə p.pass., agg. - Rimasto.
armàttə v.tr. - Rimettere, riporre, trapiantare: ajj’armessə du piantə di pipìṷnə, ho trapiantato due piante di peperoni. i fa rmattə lu levətə, .
armbaccià v.tr. - Rinfacciare.
armbannə di cibo che va di traverso: tə zə pozz’armbannə, ti possa andare di traverso.
armbascià v.tr. - Avvolgere i bambini nelle fasce, rifasciare.
armbrangà v.tr. - Compensare.
armené v.intr. - 1. Venire di nuovo, ritornare. 2. Di pasta da cucina, minestra e sim., riacquistare volume, rinvenire. 3. che t’arvè, quale grado di parentela ha con te.
armǝré v.tr. - Rimirare, guardare.
armòrtə agg. - Spento: lu feuchə armortə, fuoco spento. feuchə armortə liucə stutetə
armuccà v.tr. - Volgere sottosopra, rovesciare, ribaltare.
armunnà v.tr. - Pulire, lustrare vasi, oggetti di metallo, lavarli con sabbia o cenere: arminnə lu cuttàṷrə, pulisci il paiolo. ‣ Part. pass. armunnatə, ripulito.
armuré v.tr. - Spegnere, di luce, candela, fuoco e simili: armùrə ssa lìṷcə, spegni la luce; armùrə ssu féṷchə.
armusciugné v.tr. - Rovistare, frugare nelle tasche per trovare qualcosa..
arnascə v.intr. - Rinascere, germogliare di nuovo.
arnašcətèccə agg. - Di pianta, erba, seme che rinasce da se, che si riproduce spontaneamente.
arnasənèitə agg. - Appassite, avvizzite.
arnəhà v.tr. - Bestemmiare.
arniè v.tr. - Riempire.
arnuvà v.tr. - Rinnovare: si’ rnuvàtə pètrətə? Hai dato a tuo figlio il nome di tuo padre?
arnuvuletə p.pass., agg. - Riannuvolato
arpacià v.tr. - Riappaciare, mettere di nuovo in pace, d’accordo; rappacificare, riconciliare.
arpannə v.tr. - Conservare, riporre: arpinnəmə lu vistèi̯tə, serbami questo vestito. Rifl. t’annə arpostə na vattènnə, avere in serbo delle botte.
arparà v.tr. e intr. riparare, difendere, proteggere dal freddo.
arparlà v.tr. - Riparlare: n’arpalamə dumanə, ne riparliamo domani.
arpassà v.tr. - Ripassare: arpassə dumanə, ripassa domani .
arpəccè v.tr. - Riaccendere.
arpəletə rifl. - Della terra, riasciugarsi.
arpəlləccé v.tr. - Azzufarsi, litigare. Proprio dei cani, che con i morsi  si lacerano la pelle. ‣ Part. pass. Arpəlləccétə.
arpènnə v.tr. riappendere.
arpenzà v.intr., v.tr. ripensare.
arpəsà v.tr. ripesare, pesare di nuovo: sə nən è ištə s’arpaisə, se non è giusto si ripesa.
arpəzzà v.tr. - 1. Mettere pezze, rattoppare, vestiti e simili: m’arpizzə lə cazzìṷne, mi rattoppi i pantaloni. 2. L’ortolano arpezze, quando sostituisce con nuove piantine quelli, che piantati in precedenza, non sono nati.
arpəzzatə p.pass., agg. arpezzà.
arpianà v.tr. livellatura del terreno, spianare, appianare.
arpiccichè v.tr. riappiccicare, appiccicare di nuovo.
arpijè v.intr. - 1. Riprendere, di piante, mettere radici, prosperare: à ‘rpijétə lə pammadèṷrə!, hanno attecchito i pomodori!. 2. Fig. di lineamenti fisici, di virtù e qualità, spec. di vizi e difetti, prendere, rinnovare quelli dei genitori, nonni: à ‘rpijétə tittə də lu patrə, ha ripreso tutto dal padre.
arpilliccètə azzuffarsi.
arpòstə p.pass., agg. riposto.
arprusuttà v. intr. - Richiudersi e ritornare la carne sulle piaghe o ferite.
arpurtà v.tr. - Riportare.
arraché v.intr. - Diventare roco, se con il raffreddore uno s’arrachescə, bisogna che beva vino e zucchero bollito.
arradunà v.tr. mettere insieme, raccattando cose sparse.
arraggiunà v.intr. - Ragionare, conversare, discorrere.
arrajà v.intr., v.tr. - Montare in collera, adirarsi, sdegnarsi.
arrajatə agg. [part. pass. di arrajà]. - Arrabbiato, agg. di cane idrofobo: canə arrajatə, cane arrabbiato. fig. Infuriato, irato, stizzoso.
arramà v.intr. al fig. - Provvedere.
arrangà v.intr. - (fig.) Rapporto sessuale.
arrangiteitə agg. s.m. - Divenuto rancido.
arrannà v.tr. - Mondare il terreno, pulire il terreno dalle erbacce.
arrannatìṷrə s.f. - Zappatura superficiale.
arrapèi̯tə p.pass., agg. - 1. Lessare, far lesse, spec. le fave. 2. Aggrinzirsi della pelle.
arrauajà v.tr. - 1. Mettere insieme alla rinfusa e con mal garbo. 2. Lavorare male, eseguire un lavoro in fretta e senza impegno. 3. Avvolgere carta, panni.
arravà v.tr. - Lavare. • Espressioni (con uso fig.) e prov.: arravà la coccə all’asənə ‘c sà ‘rmattə tempə e sapàṷnə, a lavare la testa all’asino ci si rimettono tempo e sapone.
arravatìṷrə s.f. lavatura.
arrazzà s.f. - Far razza, riprendere della razza: nghə lə parində mi jè pèṷchə ci’ arrazzə, con i parenti miei, io poco me la dico.
arrə modo di sollecitare le bestie per farle andare.
arrebèllə loc. - Mettere a soqquadro, creare confusione.
arrəcchjà v.tr. - 1. Origliare 2. Delle bestie, rizzare le orecchie, tendere le orecchie.
arrəcənèitə v.pronom.intr. - Corrugarsi, restringersi della pelle, seccarsi.
arrènnə v.intr. - Arrendersi, cedere.
arrəquèštrə loc. avv. - Ben custodito, tenere riposto.
arrestràgnə v.tr. - Raggranellare, restingere: arrestregnə lə mandeilə, restringere le tovaglie da tavola, stringere i cordoni della borsa, fare economie.
arrètə avv. di tempo e prep. - Dietro. • Espressioni (con uso fig.): chirrə sèmbrə arrètə a lə fammənə, corre sempre dietro le donne; dù meisə arretə, due mesi fà.
arrəgnà v.intr. - Regnare.
arrubbà v.tr. Rubare; nel peso frodare. Part. pass. arrubbàtə, anche come agg., rubato.
arrufètə agg. - Arruffato di pelo: mi s’arrufètə lu pailə, arruffare il pelo, di animali, spec. di gatti, drizzare il pelo in segno di paura o di minaccia.
arrugnunè v.tr. - Fig., Indebolirsi.
arrungà v.tr. - Tagliare con la ronca e propriamente pulire le siepi lungo le strade, affinché non impediscano il libero passaggio.
arrutà fig. - 1. Rodere, tə fa rrutà lə vədellə, ti fa rodere dalla rabbia. Stà ‘rrutatə, è incollerito. 2. Di denti, digrignarli, farli scricchiolare. 3. Procacciare, ingegnarsi per conseguire uno scopo. 4. Atto sessuale.
arruuè v.intr. e tr. - Arrivare, giungere di persone, di cose: semə arruetə a lu Uastə, siamo arrivati a Vasto; m’è rruevete na lattre, mi è arrivata una lettera: è rruetə a cent’annə, è arrivato, è vissuto sino a cent’ anni; n g’ arreivə, è un po cortino di mente; raggiungere: abbèjtə ca mò t’arreivə, avviati, ti raggiungo. ‣ Part. pass. arruuètə, anche come agg. arrivato.
arrunzà v.tr. - Fare, eseguire male e in fretta.
arruscè v.tr. - Arroventare, infocare; di persona, arrossire.
arrutà v.tr. - 1. Arrotare. 2. fig. Di denti, digrignarli, farli scricchiolare. 3. Atto sessuale. 4.
arruӡӡunèitə p.pass., agg. - Arrugginito.
arsàcchə agg. - Secco, duro, a secco: lu pånə arsacchə, pane risecchito.
arsajjə v.tr. e intr. - 1. Portare, riportare qualcosa dal basso in alto: arsajjə la siggə, rporta su la sedia. 2. Rincarare, aumentare di prezzo: arsaddə lu pånə, il pane è aumentato.
arsalbà v.tr. - Riservare, riserbare.
arsanarsə v.intr. - Guarire.
arscallà v.tr. - Riscaldare: arscallètə mbacciə a lu feuchə, riscaldati accanto al fuoco; arscalləmə du maccarìṷnə, riscaldami un po’ di pasta.
arscallàtə p.pass., agg. - 1. Riscaldato. 2. fig. Eccitato, infervorato
aršcè v.intr. - 1. Uscire di nuovo, tornare a uscire. 2. è ršciutə lu mbrellə, l’ombrello è stato ritrovato; è ršciutə lu padràunə, è stato ritrovato il possessore (di un oggetto); na rrièšcə li chində, i conti non tornano; 3. aršcè nnèndə, andare, uscire incontro a una persona. 4. dandò arijšcə, da dove esci?, da dove spunti? 5. di prodotti, promettere bene. 6. fol. è ršciutə la spèusə, è riuscita la sposa: era uso che la sposa novella restasse chiusa in casa per sette giorni senza fare alcun lavoro e che la domenica successiva si recasse di nuovo in chiesa, per poi prendere parte ad un banchetto limitato ai parenti più stretti e infine riprendere la vita normale.
arscegnə v.intr. - Riscendere: arscegnə da éssə, scendi da lì.
arscìṷtə s.f. - Riuscita: sti scarpə ha fattə na beun’arscìṷtə, queste scarpe sono durate a lungo.
arsecundà v.tr. - Compiacere, rifare una cosa.
arsədà v. rifl. - Adagiarsi su pioli, rami o sim., detto di polli o altri uccelli.
arsǝdìṷtǝ agg. 1. Di alimento che, per essere stato conservato troppo a lungo e male, ha perso la freschezza e ha acquistato odore e sapore sgradevoli, vicini al rancido o all’ammuffito. 2. v.tr. Quando il vino è torbido e lo si fa decantare.
arsendè v.tr. - Risentire: z’arsindeimə, ci risentiamo.
arsətətèccə agg. - Assetato.
arspannə v.intr. - Rispondere, con parole, per scritto.
arsulagnà rifl. - Stare in luogo assolato a riscaldarsi, prendere il sole anche con senso di esporsi troppo ai raggi solari stando in luogo battuto dal sole. ‣ Part. pass. arsulagnatə.
arsumujè v.intr. - Assomigliare: z’arsumajə a lu patrə, somiglia la padre.
artə s.m. - Arte, mestiere. ‣ Espressioni (con uso fig.) e prov.: chə artə fì’? Quale mestiere, quale professione eserciti?. Najə chə artə fa, non ho niente da fare. Ugnìṷnə all’artə sà e lu lìṷpə a lə péchərə,
artənà v.tr. - 1. Ritenere, trattenere, frenare. 2. Essere contento: sə n’arté.
artərè v.tr. - 1. Ritirare. 2. v. intr. pron. Di cosa, accorciarsi, restringersi, divenire più piccolo. 3. Rincasare. 4. Di sapore agro, artèirə nu quà.
artirə s.m. - Artigiano.
artòjjə v.tr. - Intensivo di tojjə, riprendere, prendere di nuovo.
artorcə v.tr. - Ritorcere, torcere di nuovo o più volte, intens di torcə.
artramuccà v.tr. - Far pendere da un lato.
artramuccatə - Versare rovesciando.
artrattà v.tr. - Fare il ritratto, raffigurare.
artravuddà v.tr. - Riferito a persone o animali, rivoltarsi su sé stesso rotolando.
artuccà v.tr. - Ritoccare.
artummà v.tr. - Accumulare terra al piede di piante in accrescimento allo scopo di favorire l’emissione di nuove radici, per es. nel mais, o per ottenere l’imbianchimento delle parti sotterrate, per es. nel finocchio e nel sedano.
arvannə v.tr. - Rivendere, vendersi.
arvəcenè v.tr. - Riavvicinare.
arvədà v.tr. - Rivedere.
arvəllà di occhi, contrarli, girarli, per rabbia o pel mal animo.
arvəlletə agg. di occhi, loschi, biechi per rabbia o pel mal animo.
arvestè v.tr. - Rivestire.
arvuddà v.tr. - Rovesciare.
arvundà v.intr. - Traboccare, rigurgitare, tracimare.
arvussè v.tr. - Chiudere non completamente o aprire appena, lasciando uno spiraglio in modo che passi aria o luce.
arzappilijà v.tr. - Frequentativo di zappare.
arzə s.m. - (zool.) Orso. Locuz.: tə sə fattə gnè n’arzə; simbrǝ n’arzǝ, di persona grossa e priva di grazia nei movimenti o, anche, con i capelli e la barba arruffati.
arzəlà v.tr. - 1. Rassettare, ordinare, mettere in ordine, da na’rzəlatə a ssa camərə, rassetta la camera. Arzèilə lə firrə 2. Sparecchiare, levar via le stoviglie dalla mensa: arzèilə lə mandèilə, riponi la tovaglia. arzelà pajjǝ e granǝ, ‣ Part. pass. arzəlatə anche come agg.
arzənalə s.m. - Arsenale, dicesi di casa in soqquadro, in disordine, disordinato di oggetti diversi, armamentario.
arʒəllè v.tr. - L’improvviso scuotersi delle bestie equine, spesso accompagnando l’atto con un grido e con lo sparar calci.
ašcà v.tr. - 1. Abbrustolire e propriamente del pane e legumi, lu panə ašcatə, il pane abbrustolito, la bruschetta. Lə Fafe ašchètə lə ceic’ ašchètə, le fave abbrustolite, i ceci. 2. (fig.) Incuocere, anchə dell’epidermide: mə z’è šchètə lə labbrə, ho le labbra screpolate; mə z’è šchàtə lu chíṷlə, irritazione della pelle nella zona genitale, caratterizzata dalla comparsa, nella zona del sedere, di piccole chiazze rosse, a partire dall’area più vicina all’ano e ai genitali, quella cioè maggiormente a contatto con urina e feci: veniva curato con l’olio di oliva.
ascallà v.tr. - Riscaldare. ‣ Part. pass. ascallètə, anche come agg. riscaldato: maccarìṷnə ascallètə, pasta riscaldata.
ascarà v.tr. - Sciacquare. N’ascaratə də faccə, prendere per i fondelli.
ascégnə v.intr. - Scendere: ascégnə a bassə, scendi giù; ascégnə sibbutə da la scàlə! scendi subito dalla scala!; s’è mbujatə la carrozzə di zi Jseppə annend’a la portə nostrə, e à sciandə na signaurə, s’è fermata la carrozza di Giuseppe davanti la nostra porta, ed è scesa una signora.
ascènʒə s.m. - Assenzio, erba del genere Artemisia (Artemisia absinthium) da cui si estrae un olio essenziale amaro usato in farmacia e nella preparazione di liquori: è marejə gnè l’ascènʒə, è amaro come l’assenzio.
Ascenziáṷnə s.f. - Ascensione relig., solo sing., per anton., salita di Gesù Cristo in Cielo dopo la Resurrezione con iniz. maiusc., festa religiosa che celebra tale evento quaranta giorni dopo la Pasqua, e il giorno in cui ricorre.
aš v.intr. - Uscire.
ascuddà v.tr. - Ascoltare, dar ascolto, retta, ubbidire.
àsənə s.m. [lat. asĭnus]. - 1. (zool.), asino. 2. (fig.) Simbolo dell’ignoranza, della zotichezza e della caparbietà: grossə e asənə. ‣ Prov.: A àsənə vìcchiə, ‘mmàstə nèṷvə, Ad asino vecchio, sella nuova; Arravà la coccə all’àsənə cə s ‘armattə acqu’ e sapàṷnə, a lavare la testa all’asino ci si rimettono tempo e sapone. V’è’ l’àsənə da la mundàgnə e ccàccə lu patràṷnə da la stàllə, Arriva l’asino dalla montagna e vuole impadronirsi della stalla - quando il primo che arriva vuole delegittimare il vero proprietario o chi ha più titoli in un determinato contesto; ; canda l’àsənə vò bbaivə ngə bəsagnə ca i ciffulə, inutile tentare di convincere qualcuno quando questi non ne vuole sapere (in particolare nel mondo del lavoro). L’esempio del somaro calza perfettamente perché questo animale è noto per la sua cocciutaggine e si racconta che per indurlo ad abbeverarsi fosse efficace fischiare. Lu vèṷvə dèicə curnìṷtə all’asənə, il bue dice cornuto all’asino (se si attribuisce ad altri una nostra caratteristica). Cendə niendə a’ccèisə l’asenə; àsənə vìcchiə; l’ àsənə portə la pajjə e l’ àsənə sə lə magnə; attacchə l' àsənə addò vò lu padraunə, se il padrone ti dà ordini sbagliati, assurdi, non contraddirlo, non osare di consigliarlo per il suo meglio, di offrirgli la tua esperienza e la tua saggezza.
Asənèllə n.pr. - Sinello.
aspèrgə s.f. - Pioggerella di breve durata, quasi quanto ne dà un colpo di aspersorio (Strumento di argento o di altro metallo terminante in una piccola palla traforata, con setole o senza, che serve ad aspergere d’acqua benedetta persone o cose.)
assamə s.m. - Sciame, alveare.
assaprè v.tr. - Assaporare.
assəccà v.tr. - Seccare, prosciugare.
assəcchəné v.tr. - Dimagrire. ‣ Part. pass. assəcchənéitə dimagrito.
assəmà v.tr. - Scemare, ridurre il volume, diminuire. ‣ Part. pass. assəmètə.
assəndè v.tr. v.intr. sentire: nən di fà assendè, non far parlare di te.
assəngà v.tr. - Stabilire il valore della dote.
assərrà v.tr. - Accatastare: assirrellə bunə si làinə, accastale bene questa legna.
assettà v.intr. - Sedere. ‣ Part. pass. assettàtə. - Seduto, frequente soprattutto in unione con i verbi essere, stare, restare: stà assettàtə, sta seduto.
assiccà v.tr. - Disseccare, prosciugare.
assìttə agg. - Asciutto: la vaccuə assìttə, la bocca asciutta. 3. Come s. m., all’assittə, terreno asciutto, non bagnato
assìttətə - Siediti.
assucià v.tr. 1. Rendere uguale, uniforme, pareggiare, spianare.
assuchè v.tr. e intr. - Asciugare.
assudà v.tr. - Provvedere qualcosa, fare, compiere un’opera. sò ‘ssudetə le fejjə, ho sistemato, sposato i figli.
assuggèttə agg. s.m. - Sottoposto.
assuquètə agg. asciutto di panni.
assutturrà v.tr. - Sotterrare, seppellire: callə t’ assuttèrrə, quella ti farà i funerali, cioè vivrà più di te.
attaccà v.tr. e intr. [a. fr. atachier]. - a Legare. b (fig., pop.) Attaccà lə cambanə, smettere di suonarle nel periodo compreso tra la messa della sera del giovedì santo e il Gloria della messa della veglia pasquale (per l’uso di annodare in quei giorni le corde delle campane).
attammurrátə agg. - Gonfiarsi per eccesso di cibo.
attarallatə al fig. di giovanetta, grassoccia.
attecchjè v.tr. - 1. Provare piacere per qualcosa. 2. Dell’ulivo, mettere le mignole, stadio avanzato di sviluppo dell’infiorescenza dell’olivo.
attəndà v.tr. - Palpare, tastare, molestare, toccare. In senso fig. attəndà lu pazzə, cercare di sapere se ha i mezzi o l’intenzione di fare qualcosa. attəndà lu chìṷlə a la hallèinə, vedere se ha l’uovo.
attənà v.tr. - Far stare una cosa ritta, tenersi, reggersi, essere in forze: nn z’attè al’imbitə, non si regge all’ impiedi, è debole di forze; al fig. tè na pèchərə ca nn z’attè, ha una sbornia che non sta ritto..
attərrà v.tr. - Tagliare rasente al terreno.
attərrəte di mandorle, tostate: lə mənelə attərretə, mandorlata, mandorle abbrustolite.
attezzé v.tr. - 1. Ravvivare la fiamma accomodando i tizzi in modo che brucino meglio.: attézzə ssu feùchə ca si stà’ rmurennə, ravviva quel fuoco, perché si sta spegnendo. 2. (fig.) Stimolare, eccitare maliziosamente o pericolosamente.
attòjjə v.intr. - Turbarsi gravemente per vergogna od altra passione, in modo da perdere la chiarezza delle idee.
àttrettandə agg.indef., pron.indef., avv. altrettanto.
attuccà v.intr. - Spettare, toccare, capitare. • Espressioni (con uso fig.): attócchə a ta, spetta a te, è il tuo turno; a c’attócchə attócchə, a chi capita capita.
attufètə agg. - Impinzato, riempire di cibo, riempire il più possibile: s’è ‘ttufètə gne nu porcə.
attummà v.tr. - Colmare, riempire fino all’orlo. • Espressioni: so’ ttummàtə lu mezzattə, ho riempito, colmato il mezzetto; m’ha datǝ nu bellǝ piattǝ attummatǝ di maccarìṷnǝ, mi ha dato un bel piatto colmo di maccheroni.
attumatə agg. colmo: nu piattə di maccaríṷnə attummetə, un piatto colmo di maccheroni.
attunnà v.tr. - 1. arrotondare. 2. (estens.) Ingrassare: z’é ttunnàtə gne nu porchə, è ingrassato come un maiale.
atturè v.tr. - Turare, otturare, tappare bottiglie e sim.. • Espressioni (con uso fig.): atturé lu cavìṷtǝ, riparare al debito.
atturnià v.tr. - Circondare.
atturzà v.tr. rimboccare le maniche, fare la piega: atturzətə lə ménəchə, tira su le maniche.
aṷannə avv. - Quest’anno: aṷannə chə vé, l’anno prossimo.
áṷlmə s.m., (bot.). - Olmo (Ulmus minor).
áulmə nel gioco della passatellə a bocca asciutta
avaštà v.intr. - 1. Bastare: m'avaštǝ, mi basta. 2. avaštǝ: spesso usato in forma impersonale, basta, è sufficiente, non occorre altro.
azzà v.tr. - 1. Alzare, sollevare. 2. Elevare, edificare. 3. Levarsi in piedi da seduto o lasciando il letto: chǝ sa' azze prestǝ se guadagnǝ na mǝnestrǝ, Chi si alza presto, guadagna una minestra, ad alzarsi presto, c'è tutto da guadagnare.

Nessun commento:

Posta un commento